Dal solco alla trincea

In ricordo dei cento anni dal Primo Conflitto mondiale

Per ricordare i cento anni dall’inizio del Primo Conflitto mondiale il sistema bibliotecario ha realizzato un progetto, finanziato dalla Regione Lazio (L. R. 6/2013), con il patrocinio del Consiglio dei Ministri e il partenariato dell’Archivio di Stato di Viterbo, volto ad indagare le ripercussioni sociali, politiche ed economiche del conflitto sui dieci comuni del lago di Bolsena che costituiscono il sistema stesso.

Lo studio si propone anche di portare alla luce i nomi e le storie dei tanti soldati che, loro malgrado, furono i protagonisti di quella che fu definita da papa Benedetto XV “un’inutile strage” e che nel nostro territorio, diversamente dal Secondo Conflitto mondiale, non ha lasciato segni devastanti dei passaggi delle truppe o dei bombardamenti, mentre ingente è stato il tributo pagato dalle Comunità e dalle famiglie locali sia in termini di vite umane sia sottoforma di pesanti restrizioni e sacrifici che mutarono il modo di vivere quotidiano.

Il progetto di ricerca ha prodotto due monografie, la realizzazione di due mostre documentarie itineranti e una banca dati che raccoglie tutte le informazioni relative agli oltre 5000 soldati del comprensorio del lago che furono mobilitati per la Grande Guerra.

Consulta le monografie:

Dal solco alla trincea. La grande guerra nel territorio del Lago di Bolsena attraverso i suoi protagonisti.
1. Il lutto e la memoria: i monumenti ai caduti

Dal solco alla trincea. La grande guerra nel territorio del Lago di Bolsena attraverso i suoi protagonisti.
2. L’altra guerra: il “fronte interno”

Cosulta la sezione:

Monumenti ai caduti

Torna su