Regolamento

Regolamento ufficiale delle biblioteche

Data di approvazione Atto di approvazione
30/10/2020 Del. CC. Acquapendente n.43/2020

5. Si istituisce, come forma di consultazione tra gli Enti, per lo svolgimento dei compiti di coordinamento del
sistema bibliotecario, un Comitato composto dagli Assessori alla Cultura o da delegati dei Sindaci, dai
rappresentanti legali delle biblioteche di interesse locale, dai bibliotecari degli enti associati. Alle riunioni del
Comitato possono essere invitati funzionari regionali e provinciali, i quali partecipano senza diritto di voto.

6. Il Comitato sceglie il Comune referente. L’incarico di Presidente, con il compito di convocare le riunioni, fissare
l’o. d. g. e presiedere i lavori, sarà svolto dal Sindaco del Comune referente o suo delegato. Ogni. singolo Comune
aderente al sistema potrà chiedere l’inserimento, nell’ordine del giorno, di punti da discutere nelle riunioni
assembleari di Comitato. Il Presidente, inoltre,
a) rappresenta il sistema bibliotecario;
b) cura l’attuazione dei piani e programmi approvati dal Comitato;c) trasmette ai Sindaci dei Comuni del sistema, alla Regione Lazio — Assessorato alla Cultura,
all’Amministrazione Provinciale, gli atti, le informazioni e le notizie ai fini dei provvedimenti di rispettiva
competenza;
d) svolge ogni altra funzione conferitagli dalla legge o dalla convenzione del Sistema.

7. Il Comitato si riunisce almeno tre volte l’anno e decide a maggioranza semplice dei presenti, da calcolarsi con n.
1 voto per ogni Comune e, in caso di parità, sarà prevalente il voto del Presidente. Il quorum minimo per la validità
delle convocazioni è la metà più uno dei comuni associati. Il Comitato propone, gli interventi e le iniziative annuali
e pluriennali, nonché gli indirizzi di politica culturale del sistema bibliotecario comprensoriale e le modalità di
attuazione dei programmi, ferma restando l’autonomia specifica spettante ad ogni singola biblioteca. Per la
gestione e cura degli aspetti tecnico-biblioteconomici, il Comitato promuove le necessarie forme di coordinamento
operativo tra i bibliotecari.

8. La segreteria del Comitato è affidata al Comune referente. Il Comitato elegge il suo Coordinatore. Nessun atto
può essere espletato a nome e per conto del Si.Bi.la.Bo., o essere inoltrato agli organi competenti per
finanziamenti, se non recepito o avallato dal Comitato.

9. Il presente Regolamento disciplina le modalità di accesso e di uso dei servizi delle Biblioteche del Sistema
Bibliotecario “Lago di Bolsena”.

10. Il SiBiLaBo offre i seguenti servizi:
▪ prestito personale;
▪ prestito inter bibliotecario sistemico;
▪ prestito inter bibliotecario extra sistemico;
▪ consulenza bibliografica e informazione editoriale;
▪ consultazione e lettura in sede di materiale cartaceo, multimediale, online;
▪ visione e ascolto;
▪ navigazione internet;
▪ utilizzo rete wireless;
▪ fornitura di documenti (document delivery);
▪ servizi di riproduzione e fornitura copie;
▪ visite guidate;
▪ servizi ed attività per bambini e ragazzi;
▪ promozione della lettura ed attività culturali;
▪ informazione di comunità, promozione del territorio ed informazione turistica;
▪ corsi e laboratori.

11. L’ingresso nelle Biblioteche è libero. Per accedere ai servizi è necessario essere iscritti ad una delle
biblioteche aderenti al SiBiLaBo. La Biblioteca predispone un registro d’ingresso giornaliero.

12. Le biblioteche non sono responsabili degli oggetti e delle borse introdotti dai lettori nei locali delle varie
biblioteche.

13. Le Biblioteche mettono a disposizione degli utenti una postazione per la consultazione del catalogo. La
consultazione può avvenire con l’assistenza del Bibliotecario o direttamente sul portale web attraverso l’accesso al
catalogo on line.

14. Per usufruire dei servizi è necessario essere iscritti. L’iscrizione è unica ed è valida in tutte le Biblioteche del
Sistema.

15. Per iscriversi è necessario:
▪ presentare un documento d’identità con fotografia, valido, rilasciato da una autorità pubblica e
riconosciuto dallo Stato Italiano;
▪ dichiarare il proprio domicilio;
▪ compilare e sottoscrivere il modulo d’iscrizione, con il quale l’utente dà il proprio consenso all’utilizzo
dei dati personali, così come previsto dalla normativa vigente ai sensi dell’art. 13 D.Lgs. 196/2003.

16. Per l’iscrizione o il rinnovo dell’iscrizione di minori è necessario che il modulo sia firmato anche da un genitore,
o da chi detiene la responsabilità genitoriale. E’ possibile iscrivere i bambini fin dalla nascita

17. Il Sistema favorirà l’iscrizione on line attraverso la compilazione di un form sul portale ed inserisce
direttamente gli estremi del proprio documento d’identità, che deve presentare al momento del ritiro della tessera.

18. Gli iscritti debbono comunicare tempestivamente al SiBiLaBo le variazioni dei dati forniti al momento
dell’iscrizione.

19. La tessera d’iscrizione rilasciata dalle biblioteche aderenti al Sistema è personale e ha validità di un anno a
decorrere dal giorno dell’emissione e può essere rinnovata automaticamente dalla biblioteca; l’utente è
responsabile del suo utilizzo e la può utilizzare in tutte le Biblioteche del SiBiLaBo.

20. La tessera d’iscrizione è gratuita e dà accesso ai seguenti servizi:
▪ consultazione e lettura in sede;
▪ ascolto e visione di documenti;
▪ prestito (anche interbibliotecario nel sistema?);
▪ partecipazione alle attività culturali e di promozione della lettura;
▪ postazioni internet e risorse multimediali;
▪ accesso piazze digitali Wi-Fi;
▪ fornitura di documenti ;
▪ consulenza e informazione;
▪ servizi di riproduzione.

21. Le opere delle Biblioteche possono essere lette liberamente, ad eccezione delle collezioni dei fondi speciali, di
quelle collocate nei depositi e quelle escluse dalla consultazione.

22. Finita la lettura le opere, i quotidiani e le riviste devono essere lasciate sui tavoli affinché il personale addetto
possa ricollocarle correttamente sullo scaffale.23. E’ consentito l’ingresso nelle sale con libri propri.

24. Gli iscritti consultano le collezioni documentarie dei fondi speciali in Biblioteca secondo le modalità contenute
nell’atto istitutivo del fondo medesimo o comunque secondo le indicazioni date dal Bibliotecario.

25. Per ottenere in consultazione opere di tali collezioni occorre farne richiesta al Bibliotecario. Si possono
richiedere due opere, per un massimo di quattro volumi per volta, salvo speciale autorizzazione del Bibliotecario.

26. AI momento del prestito occorre esibire la propria tessera d’iscrizione.

27. Si possono prendere in prestito fino a 3 documenti, inclusi i prestiti interbibliotecari.

28. Durata del prestito:

▪ libri: 30 giorni prorogabili, prima della data di scadenza, di altri 15 giorni se il libro non è stato
prenotato da un altro utente;
▪ novità librarie: 30 giorni non prorogabili;
▪ documenti multimediali: 7 giorni non prorogabili.

29. L’utente è personalmente responsabile delle opere ricevute in prestito. Tutti i documenti avuti in prestito
devono essere restituiti in buono stato di conservazione entro la data di scadenza.

30. Il prestito intersistemico del SiBiLaBo facilita il prestito di documenti tra tutte le biblioteche del Sistema.

31. Il prestito intersistemico del SiBiLaBo è gratuito per tutti gli iscritti in regola con i servizi di prestito, che
possono richiedere documenti, ammessi al prestito intersistemico, presenti nei cataloghi delle Biblioteche del
Sistema.

32. La durata del prestito intersistemico del SiBiLaBo è di 30 giorni per le opere a stampa e di 7 giorni per il
materiale multimediale e decorre dalla consegna del documento all’utente.

33. La restituzione dei documenti presi in prestito può avvenire in una qualsiasi delle sedi bibliotecarie del Sistema
Bibliotecario Lago di Bolsena.

34. In caso di ritardo nella restituzione dei documenti avuti in prestito intersistemico, l’utente è sospeso, in tutte le
Biblioteche del Sistema, da tutti i servizi di prestito per un periodo pari al ritardo rilevato.
DANNEGGIAMENTO, SMARRIMENTO E MANCATA RESTITUZIONE

35. Chi danneggia o non restituisce il documento avuto in prestito intersistemico, deve acquistarne e consegnare
alla biblioteca una nuova copia oppure, se ciò non fosse possibile, un altro documento di pari valore, indicato dal
Bibliotecario.

36. L’utente sarà sospeso da tutti i servizi finché non avrà risarcito il danno.

37. La fornitura delle riproduzioni di documenti o parte di documenti posseduti dalle Biblioteche è un servizio che
interessa estratti, articoli di periodici, saggi o capitoli di libri e opere fuori commercio.

38. Gli iscritti in regola con i servizi di prestito, possono richiedere, al front office della Biblioteca o per posta
elettronica, la fornitura di copia (analogica o digitale) di documenti dalle collezioni di altre biblioteche italiane e
straniere (non reperibili tra quelle del SiBiLaBo), nel rispetto della normativa vigente sul diritto d’autore.

39. Il Bibliotecario assiste nella verifica dei dati bibliografici, sceglie la biblioteca a cui inviare la richiesta, informa
l’utente sugli oneri e le modalità stabiliti dalla biblioteca fornitrice e registra l’accettazione delle condizioni. La copia
richiesta può essere un documento cartaceo o un file. L’utente sarà avvisato dell’arrivo del documento cartaceo in
biblioteca o riceverà la copia digitale tramite posta elettronica.

40. L’utente dovrà provvedere direttamente e secondo la modalità prevista al pagamento di eventuale costo o
rimborso spese richiesto dalla biblioteca fornitrice, dopo l’accettazione delle condizioni e prima dell’inoltro della
richiesta di copia da parte della biblioteca alla biblioteca fornitrice.

41. Le Biblioteche italiane e straniere, ma anche personalmente utenti remoti, possono richiedere la fornitura di
copia digitale di documenti delle collezioni del SiBiLaBo nel rispetto della normativa vigente sul diritto d’autore,
previo pagamento del rimborso delle spese di riproduzione e di spedizione.

42. E’ possibile fotocopiare parti di documenti nel rispetto della normativa vigente.

43. Sono esclusi dalla fotocopiatura i manoscritti, gli inediti, le opere antiche e comunque tutte le opere con data di
pubblicazione anteriore di 80 anni, i volumi di grande formato, i giornali rilegati, le opere di pregio storico-artistico-
documentario, i disegni, le incisioni, le stampe, le fotografie.

44. I costi sono stabiliti dalle singole biblioteche.

45. Le postazioni audio e video possono essere utilizzate dagli iscritti per il tempo necessario per l’ascolto o la
visione dei documenti della biblioteca.

46. L’utente che occupa la postazione è responsabile del supporto ritirato sino alla sua restituzione, che deve
avvenire alla fine della propria sessione di visione o ascolto.

47. Se non ci sono richieste di altri utenti può essere richiesta in visione o ascolto un’altra opera.

48. Ogni Biblioteca regola la durata delle sessioni di utilizzo delle postazioni per la visione e l’ascolto nell’ambito
del proprio orario di servizio.

49. I servizi multimediali sono riservati agli iscritti, ad eccezione degli accompagnatori di disabili e degli adulti che
assistono i minori. Gli accompagnatori sono comunque identificati e registrati accanto al titolare della sessione.50. Dalle postazioni si può:
▪ navigare in internet;
▪ accedere alle webmail;
▪ utilizzare programmi di videoscrittura, fogli di calcolo, database ed altri applicativi se già installati
sulla postazione;
▪ salvare dati ed effettuare download di file su supporti di proprietà dell’utente.

51. L’utente è responsabile dell’utilizzo della postazione. Il SiBiLaBo è sollevato da ogni responsabilità civile o
penale derivante da un uso illegale da parte dell’utente del collegamento a Internet. L’utente ha l’obbligo di
rispettare le leggi vigenti sul diritto d’autore e sulla privacy.

52. All’utente è vietato:
▪ modificare o danneggiare la configurazione hardware e software dei computer;
▪ installare programmi;
▪ resettare i computer;
▪ visitare siti che per contenuto o immagini non sono idonei ad un luogo pubblico.

53. La Biblioteca non è responsabile del contenuto, della qualità e della validità delle informazioni e non garantisce
la riservatezza della consultazione.

54. L’utilizzo delle postazioni Internet in difformità dal presente Regolamento e dalle normative vigenti può
comportare:
▪ interruzione della sessione di consultazione;
▪ sospensione o esclusione dal servizio;
▪ denuncia alle autorità competenti.

55. L’accesso dei minori ad internet deve essere autorizzato dal genitore, o da chi detiene la responsabilità
genitoriale.

56. Il Bibliotecario non è tenuto ad esercitare la supervisione sull’uso di Internet, di cui è comunque responsabile il
genitore, o chi detiene la responsabilità genitoriale, che ha sottoscritto l’autorizzazione.

57. Il servizio Wi-Fi è gratuito. Consente all’utente di accedere gratuitamente a Internet utilizzando il proprio
dispositivo portatile nelle Biblioteche del Sistema in cui sono installati gli apparati per il collegamento in modalità
senza fili. Per accedere dovrà richiedere la pw al responsabile della biblioteca

58. Nelle Biblioteche si organizzano annualmente o su richiesta visite guidate gratuite per scuole e per gruppi di
ragazzi e adulti, previa prenotazione da parte dell’accompagnatore.

59. Gli utenti possono contribuire al miglioramento dei servizi di Biblioteche del SiBiLaBo presentando
suggerimenti e proposte in sede oppure via mail.

60. Gli utenti possono partecipare allo sviluppo delle raccolte esprimendo suggerimenti e proposte d’acquisto, che
saranno valutate dal Bibliotecario al momento della predisposizione del piano acquisti.

61. Chi intende manifestare insoddisfazione per i servizi delle Biblioteche del SiBiLaBo può presentare la
segnalazione, scritta e motivata, firmata con nome e cognome e indirizzata all’Ente, in formato cartaceo o
elettronico. L’utente riceverà una risposta entro 30 giorni dalla data di ricezione del reclamo. Non verranno prese
in considerazione segnalazioni anonime.

62. Il comportamento degli utenti deve essere consono alla natura pubblica del luogo e rispettoso della corretta
convivenza civile, non deve arrecare disturbo o danno agli altri utenti della biblioteca e al regolare svolgimento dei
servizi.

63. L’utente deve rispettare le disposizioni regolamentari e quelle temporaneamente comunicate al pubblico; in
particolare deve:
▪ trattare con cura i documenti avuti in prestito o consultati in biblioteca;
▪ non danneggiare le strutture, gli arredi e i documenti delle biblioteche;
▪ non far segni o scrivere su libri, documenti ed elementi di arredo delle biblioteche;
▪ consumare cibi negli spazi dedicati;
▪ dare la precedenza, in caso di code, alle persone disabili ed alle donne incinte;
▪ non ostacolare il passaggio su eventuali scale o su vie di esodo occupandole in modo improprio;
▪ non recare con sé bagagli eccedenti le necessità di utilizzo dei servizi bibliotecari;
▪ non entrare in biblioteca sotto influenza di alcol o sostanze stupefacenti;
▪ non entrare nelle sedi in condizioni di igiene personale che infastidiscano altri utenti;
▪ non disturbare con l’utilizzo di telefoni cellulari;
▪ partecipare alle esercitazioni di evacuazione e attenersi alle istruzioni degli addetti alla sicurezza in
caso di emergenza;
▪ introdurre cani al guinzaglio e con la museruola, ad eccezione dei cani di piccola taglia che possono
essere tenuti in braccio o in borsa; i proprietari o i detentori devono avere cura che i cani non
sporchino e non creino disturbo o danno;
▪ non questuare né proporre l’acquisto di merci o servizi;
▪ non distribuire materiale pubblicitario né affiggere manifesti o volantini senza l’autorizzazione del
Bibliotecario.

64. Si può utilizzare il proprio PC portatile. L’uso delle prese elettriche per il proprio PC portatile può essere
limitato nella durata su disposizione del Bibliotecario per consentirne l’utilizzo anche ad altri utenti.

65. Il Bibliotecario può sospendere, temporaneamente o definitivamente, dai servizi chi non rispetta quanto
previsto negli articoli 57 e 58 del presente Regolamento e può richiederne la sospensione da tutte le Biblioteche
del SiBiLaBo. Nei casi di maggiore gravità si procederà con la segnalazione all’autorità giudiziaria.

Torna su